Lindsey Wiedmann - Produzione pulita di energia pulita

Una produzione più pulita per un'energia ancora più pulita

La voce degli Esperti
Lindsey Wiedmann

Lindsey Wiedmann

Responsabile dell'ufficio legale e dei team ESG (pratiche ambientali, sociali e di governance)

I pannelli fotovoltaici non crescono sugli alberi

Fare una tale affermazione non ha nulla di polemico. Ma in questa fase di transizione verso un’economia globale più pulita ed ecologica, dover adottare processi produttivi complessi per trasformare il quarzo estratto dalle miniere in silicio purificato adatto alla fabricazione dei pannelli fotovoltaici che verranno installati sui tetti delle case ci pone davanti a un quesito spinoso. Come possiamo garantire che i processi di produzione dei pannelli fotovoltaici siano il più puliti possibile?

Ogni anno, Maxeon investe una quantità significativa di risorse per dare nuove risposte a questa domanda. Il nostro motto aziendale: “Power Positive Change” implica la ferma convinzione da parte nostra che migliorandoci costantemente, contribuiamo a creare un futuro migliore per il nostro pianeta, per chi crede in noi e per la nostra azienda. Alcuni mesi fa, abbiamo pubblicato il nostro secondo report annuale sulla sostenibilità, che evidenzia nel dettaglio i nostri sforzi nel 2021 in favore dei 3 pilastri ESG, cioè i fattori ambientale, sociale e di governance. Oltre ad esaminare gli sforzi fatti nell’anno precedente, abbiamo anche delineato i nostri progetti per un futuro migliore.

Ottimizzare la produzione

La verità, per quanto scomoda, è che, come il resto del settore industriale mondiale, dipendente ancora in larga parte da gas e carbone, spesso anche la produzione globale dei pannelli fotovoltaici, altamente energivora, si basa sui combustibili fossili. Tuttavia, quello che molti non sanno è che la maggior parte dei pannelli fotovoltaici compensa le emissioni dovute alla loro produzione dopo pochi mesi di utilizzo. Tale periodo è noto come Energy Pay-Back Time (EPBT) che tradotto in italiano è il tempo di ritorno energetico di un pannello.

Grazie alla costante innovazione per migliorare l’efficienza dei nostri pannelli, in Maxeon siamo stati in grado di ridurre il periodo di EPBT in modo sorprendente. Nel 2021, abbiamo affidato a un consulente esterno l’incarico di certificare il periodo EPBT dei pannelli Maxeon 3. Il consulente ha analizzato la domanda cumulativa di energia (CED) nell’arco dell’intero ciclo di vita dei pannelli, prendendo in considerazione l’efficienza della rete elettrica locale sui diversi siti di produzione nel mondo. È emerso che i requisiti per la produzione dei pannelli fotovoltaici Maxeon 3 sono eccezionalmente bassi rispetto all’energia solare generata.

Complessivamente l’EPBT dei pannelli fotovoltaici Maxeon è inferiore a un anno, appena 47 giorni per i moduli montati a terra e solo 98,5 giorni per quelli montati sul tetto. Alla luce di questi risultati, con i 40 anni di garanzia offerti da Maxeon sui propri pannelli, il ritorno energetico della nostra tecnologia durante il periodo di garanzia è in molti casi superiore di 100 volte rispetto all’energia richiesta per la produzione.

Maxeon ogni anno investe risorse importanti per migliorare la propria sostenibilità, in modo da garantire che l’utilizzo dell’energia richiesta dai processi di produzione di pannelli sia il più pulito possibile.

Sfruttare al meglio il sole

Stiamo anche adottando misure atte a garantire che i nostri stabilimenti utilizzino energia solare pulita quando possibile. Nei nostri stabilimenti produttivi delle Filippine, abbiamo installato pannelli fotovoltaici sul lato sud del tetto dello stabile principale, sulla pergola del parcheggio e sulle postazioni del personale della sicurezza. Utilizziamo anche golf cart a energia solare di marca SunPower per trasportare il personale all’interno del sito.

Nei nostri stabilimenti in Messico, abbiamo installato pannelli fotovoltaici sopra i parcheggi e nel piccolo orto botanico . Nel 2021, abbiamo installato pannelli fotovoltaici da 11kW presso uno dei nostri stabilimenti produttivi, per una produzione addizionale mensile di 1,875MW.

Uno sguardo al futuro

Come società con sede a Singapore, abbiamo accolto con entusiasmo l’annuncio del Ministro dell’Ambiente e della Transizione ecologica, la sig.ra Grace Fu, del lancio del programma Singapore Green Plan 2030 nel febbraio 2021: un’iniziativa nazionale per promuovere lo sviluppo sostenibile nel paese. Al tempo stesso, siamo lieti di far parte dei 12 membri inaugurali del Singapore Low Carbon Network, lanciato come parte del Centro di eccellenza della sostenibilità dell’area Asia-Pacifico di Singapore. Questa rete supporta il Singapore Green Plan 2030 e ha come obiettivo la collaborazione tra aziende e organizzazioni di tutto il paese impegnate per la riduzione delle emissioni. Continueremo a collaborare con le aziende di tutto il mondo per garantire la riduzione delle emissioni da parte dell’economia globale.

Tuttavia, le nostre ambizioni non si limitano a Singapore. Siamo lieti di aver pubblicato la prima serie di obiettivi ESG a lungo termine per il 2030, a sostegno della transizione globale verso un’energia solare pulita e le “emissioni nette zero”. Entro il 2030, intendiamo ridurre le emissioni e il consumo di energia, di acqua e la produzione di rifiuti, passando così dalla nostra attuale certificazione Cradle to Cradle Bronze alla Gold .

Siamo entusiasti dei progressi compiuti in termini di performance ESG e continuiamo a perseguire la nostra volontà aziendale “Powering Positive Change” su scala globale . Per migliorare la sostenibilità dei prodotti è necessario valutare sotto molteplici punti di vista l’impatto che essi hanno nel mondo. Ci impegniamo per essere all’avanguardia nella sostenibilità dei processi industriali e nella loro implementazione in tutte le aree del mondo. Procedendo a passo sicuro verso gli obiettivi del 2030, lavoreremo seguendo standard qualitativi sempre più elevati. Solo così potremo raggiungere gli ambiziosi risultati che ci siamo prefissati.